Sveglia è Lunedì! Come ho raggirato il mio cervello

Lo devo ammettere, questa mattina saltare giù dal letto e decidere di uscire a camminare non è stato facile.

E’ lunedì ed il mio week end è stato comunque di lavoro.

Sveglia è Lunedì

La sveglia è suonata e sono scesa dal letto, mentre svolgevo la mia routine il cervello continuava a guardare l’abbigliamento (preparato già ieri sera) e chiedermi:

“ma sei sicura di voler andare?”  e ancora:

sei stanca, perché non torni a letto e ti fai un’altra oretta di sonno?

Insomma sabotaggio totale!!!

Inoltre questo lunedì mattina ero sola per cui, se fossi tornata a letto non avrei dato pacco a nessuno!

Ho però messo in atto delle piccole strategie, scopiazzando qua e là  da racconti ed esperienze.

Così ho iniziato una chiacchierata tra RomyVip e RomySvip, d’altronde sono una gemelli me lo dite tutti che ho la doppia personalità 😉 … sì lo so che tecnicamente è bipolarismo! Comunque torniamo a noi.

Sono fondamentalmente pigra, come la maggior parte di noi, ho deciso di migliorarmi ed ho definito che una breve passeggiata all’aperto mi è solo di giovamento e non influisce particolarmente sulla gestione del mio tempo. Anzi lo migliora.

Per cui la bilancia pende decisamente a favore di uscire con il bello e con il cattivo tempo. Diventa pertanto difficile accettare che la pigrizia la vinca.

Così un pezzetto alla volta, beh ormai sono in piedi, se torno a letto poi mi viene mal di testa.

Intanto mi vesto e l’abbigliamento per camminare è qui comodo.

Beh ormai sono vestita, ma sì dai magari solo un giretto più corto visto che ho parecchio da fare in ufficio.

E niente, alla fine mi sono fatta i miei 6 km nella mia oretta poco più.

In ufficio praticamente puntuale e con la testa sgombra e l’energia giusta per affrontare tutte le sfide del lunedì.

Un passo alla volta, visto che questa mattina la determinazione era rimasta sotto le coperte ma sono riuscita ugualmente a raggiungere il mio obiettivo.

Buona settimana e domattina, tutti giù dal letto!